img-20161015-wa0001

Torta paesana – Il dolce dell’ottobre in Brianza

Il dolce e le sue origini.

In Brianza, nel mese di ottobre, si succedono a ruota le feste dei vari paesi, fra sagre, giostre, rassegne gastronomiche e pali con rievocazioni d’epoca.

Uno dei fili conduttori in queste ricorrenze è lei, la torta paesana: un dolce povero, semplice e perfetto da far preparare ai bambini, che si divertiranno un mondo a inzuppare e mescolare i molti ingredienti che lo compongono.

Nato come dolce preparato con gli avanzi del poco che i poveri contadini e artigiani brianzoli avevano, la torta paesana non è cambiata nel tempo e ogni famiglia della zona ne prepara a decine da regalare ad amici e parenti!

Il risultato è che per quattro torte che si regalano se ne ricevono almeno attrettante, per cui in Brianza dopo la festa del paese la casa abbonda di dolci per almeno un paio di settimane!

Ingredienti.

Non fatevi spaventare dal lungo elenco, sono tutti a basso costo e di contro la preparazione sarà poi semplicissima.

Per una torta di medie dimensioni, cioè 8 porzioni, usare:

  • 2l di latte
  • 2 panini secchi
  • 400g di amaretti di Saronno
  • 200g di uva sultanina
  • 200 g di canditi
  • 1 pan d’anice
  • 200g di Savoiardi
  • 150 g di cacao amaro
  • 150 g di cacao dolce
  • una tavoletta di cioccolato, dolce o fondente a seconda dei gusti
  • 1 bustina di lievito
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 bustina di zucchero a velo
  • 1 bustina di zucchero vanigliato
  • 1 bustina di pinoli
  • sale q.b.
  • 2 uova
  • zucchero q.b

Presi tutti gli ingredienti, ecco come preparare la torta!

Preparazione.

Prendere una bacinella, riempirla d’acqua e lasciare in ammollo l’uva sultanina.

Prendere quindi un’altra bacinella e versarvi il latte, intiepidito, assieme al pane, gli amaretti, il pan d’anice, i savoiardi: mescolare il tutto sminuzzando il pane e gli amaretti fino ad avere un impasto denso e morbido, quindi far riposare per un paio d’ore.

Aggiungere quindi il resto degli ingredienti tranne i pinoli e lo zucchero a velo: otterrete ora un composto ancor più denso e dal tipico colore delle torte a pasta di cacao.

Imburrate una tortiera circolare e versare il composto per circa due dita di altezza, quindi cuocere in forno ventilato già caldo per un’ora.

Otterrete una torta simile a questa:

img-20161017-wa0001

Tagliatene un pezzetto per verificare la giusta cottura dell’impasto e il livello di dolcezza: se è abbastanza dolce, guarnire solo con i pinoli cospargendoli sopra la torta, altrimenti spolverare con lo zucchero a velo e quindi decorare con i pinoli.

Nella foto in copertina avete il risultato finale: delle ottime torte paesane!

Attenzione: ingredienti come i canditi, l’uvetta o il pan d’anice possono essere poco graditi ai bambini, per cui è possibile fare varianti della torta senza di essi. Non cambia nulla a livello di preparazione e cottura!

Avete ora un dolce perfetto per ottobre, ma, mi raccomando, non esagerate, perchè i contadini e gli artigiani brianzoli avevano bisogno molte energie per lavorare, per cui la torta paesana è davvero ricca di calorie!

Buon appetito!

Facebooktwittergoogle_plus
Facebookinstagrammail

Lascia un commento